La Costa Rica è un bellissimo paese in America Centrale, il suo territorio e ricoperto da folte e maestose giungle, foreste incontaminate, circondata da due oceani, l’oceano Pacifico e l’oceano Atlantico (Mar dei Caraibi), e da esotici vulcani, tra cui il Vulcano Poas.

poas-volcano-racconto-e-leggende

[dt_sc_h3]Ed è proprio della sua famosa leggenda che vi parleremo, il vulcano Poas e la sua leggenda, racconti della Costa Rica.[/dt_sc_h3]

Nei boschi che si estendono attorno al grandissimo vulcano Poas, vivono innumerevoli uccelli canori, molti con nomi curiosi e originali.

Solo uno più bello dai colori bellissimi del loro piumaggio, tace, si chiama Rualdo ed è il protagonista di una delle più belle leggende della Costa Rica.

A margine della giungla, nei pressi del vulcano, c’era un villaggio, in una delle capanne viveva una bella ragazza, orfana, una grande amica degli animali e degli uccellini.

Ogni mattina, andava al fiume, per prendere acqua, la ragazza camminava lentamente, ascoltando estasiata i canti dei piccoli uccellini.

Una mattina, incontro un piccolo uccellino che non cantava e che non aveva più i genitori, e lei decise di prendersene cura, perché nessuno gli facesse del male, e lo portò con lei a casa.

Da allora la ragazza si dedicò a lui con grande cura, l’animale ben presto crebbe e divenne vivace e iniziò a cantare, tenendo compagnia alla solitaria giovane.

Il legame stabilito tra il Rualdo e la ragazza, diventava sempre più forte, tanto da far diventare Rualdo, l’ombra della giovane ragazza, l’accompagnava ovunque.

Un giorno s’infuriò il vulcano Poas.

La terra inizio a tremare violentemente e gli abitanti del villaggio lasciarono le loro capanne in preda al panico, mentre le colate di lava ardente scendevano lungo le pendici del vulcano.

vulcano-attivo-costa-rica

Secondo tutto il villaggio il Dio vulcano era arrabbiato, ed era necessario riuscire a calmare la sua rabbia prima che diventasse troppo tardi.

Gli stregoni pronunciavano preghiere incomprensibili e offrivano animali e frutta al dio vulcano ma nulla, la sua furia non si arrestava.

Secondo gli Stregoni Il grande Dio non era soddisfatto delle loro offerte … sembrava chiedessero qualcosa di diverso …

Lo stregone più anziano ha deciso di avvicinarsi alla lava per chiedere al dio le sue intenzioni, uscendo dal cratere disse: il Dio vulcano, vuole un sacrificio umano, vuole la ragazza, la più bella del villaggio …

La più bella ragazza del villaggio era l’amica degli animali, la grande amica di Rualdo.

Lo stregone convocò tutti i capi villaggio e comunicato loro le intenzioni e i desideri del Dio del vulcano Poas

Non c’era tempo da perdere, dovevano sacrificare questa bellissima giovane prima che fosse troppo tardi.

All’interno della casa della giovane ragazza, si era nascosto in un angolo Rualdo, Il suo cuore sembrava avvertire del pericolo per la vita della sua cara amica.

Improvvisamente entrarono in casa i capi villaggio e lo stregone; sappiamo ragazza che sei lì, veniamo per prenderti e sacrificarti al grande Dio del fuoco.

La ragazza chiese per favore, di non morire… lei non voleva morire.

Ma era tutto inutile, non c’era, purtroppo, pietà per la ragazza, questa era la volontà del gran Dio del vulcano.

La dolce e bella ragazza capì e realizzò che non poteva combattere i disegni del suo popolo, la sua vita e la sua bellezza erano inevitabilmente il prezzo da pagare per salvare l’intera comunità da morte certa.

Superate le paure, la ragazza seguì lo stregone, verso il vulcano Poas, il mostro vulcanico aspettava con impazienza la sua vittima.

Il sacerdote portò la ragazza vicino al cratere, disse le preghiere di rito, e pronunciò la frase: per amore del popolo, per la salvezza della popolazione, butterò la bellissima ragazza nel vostro intestino, grande dio del fuoco e della lava, con essa placati.

La ragazza fece qualche passo esitante, ma lo stregone la buttò …

Volando sopra il cratere, tra le lingue di fuoco, il Rualdo parlò al vulcano il misterioso linguaggio della natura …

In cambio della sua vita offro la mia armonica voce, la mia vita in cambio della vita della mia cara amica.

E Rualdo cantò come mai prima di allora, con una voce melodiosa e incantevole.

La meraviglia dei suoi canti melodiosi, vibrava in atmosfera, affogando il ruggito del colosso vulcanico Poas, era un suono tenero, dolce, la sua melodia echeggiava e le sue lacrime riempirono il cratere.

Poas_vulcano-costa ricajpg

Fuoco, lava, morti, e lacrime diedero vita a un bellissimo lago che copriva gran parte della vacuità del vulcano.

I testimoni rimasero sorpresi da questo magnifico spettacolo, dato dal sacrificio della bellissima ragazza e dal nobile Rualdo.

La leggenda vuole che il vulcano Poas, abbia creato il lago dal sacrificio di Rualdo, che non ha mai smesso di piangere per amore della sua cara amica data in sacrificio per la comunità.

 

Vi è piaciuto questo racconto?? condividetelo con i vostri amici….Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.