Vaccino Covid in Costa Rica

 

E’ giunto il vaccino in Costa Rica alle 21:12 presso l’ Aeroporto Internazionale Juan Santamaría di San Josè.
La consegna consentirà di iniziare la protezione dei lavoratori del settore sanitario e degli anziani nei centri di lunga degenza.
Le prime vaccinazioni saranno effettuate a partire dalla vigilia di Natale presso un centro di lunga degenza per anziani e al CEACO.
Il primo lotto di 9.750 dosi del vaccino COVID in Costa Rica è arrivato dal Belgio ed è già custodito presso le strutture del Caja Costarricense de Seguro Social (CCSS).

Come spiegato da Román Macaya (Presidente esecutivo del CCSS) questa prima consegna consentirà l’avvio immediato della protezione dei lavoratori del settore sanitario nella prima linea di assistenza per i pazienti e gli anziani nei centri di lunga degenza, uno dei gruppi con il maggior numero di di morti segnalate.

 

 

MOMENTO STORICO IL VACCINO COVID IN COSTA RICA

 

“Questo è un momento storico per la previdenza sociale Costarricense perché con l’arrivo di questi vaccini non solo siamo diventati uno dei primi Paesi nel continente ad iniziare a immunizzare i nostri gruppi a rischio, ma stiamo anche fornendo alla popolazione uno strumento in più per ridurre le possibilità di contagio di COVID-19 ”, ha assicurato Macaya.

I vaccini ricevuti questo mercoledì fanno parte di un accordo di acquisto in essere tra il nostro Paese e le società Pfizer e BioNTech per l’acquisizione di tre milioni di dosi che entreranno gradualmente nei restanti giorni del 2020 e 2021. La prossima settimana è previsto l’ arrivo di alte 11.700 dosi.

“Domani inizierà un processo che ci riempie di speranza. Il piano è che tra le 10 e le 11 del mattino si svolga questa cerimonia di apertura della campagna di vaccinazioni, che avverrà contemporaneamente in un centro di lunga degenza per anziani e nel CEACO. Un 24 dicembre da ricordare ”ha affermato il ministro della Salute, Daniel Salas.

Il CCSS ha programmato, attraverso la Direzione Logistica, le rotte che consentiranno progressivamente di consegnare il vaccino in ciascuna delle parti del Paese e tutelare la popolazione.

 

PRESIDENTE DELLA COSTA RICA

 

Ad attendere il volo il Presidente della Costa Rica, Sig. Carlos Alvarado.

“Questo è il risultato del duro lavoro che il Governo della Repubblica ha svolto per garantire alla popolazione l’accesso a un vaccino contro il COVID-19 al fine di tutelare l’inestimabile diritto alla salute.

Questo è un momento di gioia e di raddoppio degli sforzi per ricordare che la battaglia non è finita, che a poco a poco vaccineremo i costaricani, ma che andremo avanti ”, ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Carlos Alvarado.

Questa vaccinazione sarà sostenuta per tutto il 2020 e il 2021, ma non in modo massiccio, in modo che il sostegno della popolazione come ogni area sanitaria indica alle proprie comunità quando è opportuno vaccinare, lo faccia in modo ordinato, rispettando le ordine dei cinque gruppi da vaccinare definito dalla Commissione Nazionale per la Vaccinazione e l’Epidemiologia.

Alexander Solís, presidente della Commissione nazionale per la prevenzione dei rischi e l’attenzione alle emergenze (CNE), ha dichiarato di essere “molto soddisfatto di aver contribuito ad accelerare il processo di acquisto del vaccino e dei congelatori a bassissima temperatura necessari per possibile questo grande traguardo, che è parte integrante della risposta che abbiamo dato in tutti i settori a questa emergenza ”.

Alla cerimonia di arrivo erano presenti il ​​Presidente Alvarado, il Ministro della Salute, Daniel Salas; della Pubblica Sicurezza, Michael Soto; delle Relazioni Estere, Rodolfo Solano, i presidenti esecutivi della CCSS, Román Macaya, e la Commissione nazionale di emergenza, Alexander Solís. Così come il Vice Ministro della Salute, Pedro González, che ha guidato il team tecnico per ottenere il vaccino.

 

La tecnologia di questo vaccino offre sicurezza ed efficacia

 

Il vaccino BNT162b2 sviluppato da Pfizer e BioNTech è stato creato attraverso una piattaforma innovativa che utilizza l’acido ribonucleico messaggero (mRNA).

Cioè, invece di introdurre un antigene nel corpo (un metodo comune nello sviluppo di vaccini), introduce solo l’informazione genetica del virus attraverso molecole di RNA in modo che le nostre cellule possano creare, da sole, le proteine ​​che noi si difenderanno contro SARS-CoV-2.

Per Leandra Abarca, responsabile del Programma espanso di immunizzazioni (PAI) del CCSS, questa nuova forma di vaccini rappresenta un salto tecnologico di grande rilevanza e presenta diversi vantaggi, tra cui la sicurezza (in quanto non sono realizzati con virus inattivi o questi), la loro efficacia (generano una risposta immunitaria solida e con pochi effetti collaterali) e la loro facilità di produzione.

“Senza dubbio, i vaccini sono un modo sicuro ed efficace per prevenire malattie e salvare vite umane e hanno un impatto positivo sulla salute pubblica delle nazioni, perché quando vacciniamo non solo proteggiamo noi stessi ma anche chi ci circonda.

Ogni persona che viene vaccinata contro il covid-19 non solo contribuisce alla propria salute, ma ci aiuta anche a ridurre la circolazione di questa malattia nel nostro paese “, ha affermato il dottor Abarca.

La Costa Rica ha firmato contratti per l’acquisto di sei milioni di dosi del vaccino attraverso tre fornitori: Pfizer-BioNTech (tre milioni di dosi), AstraZeneca-Oxford (un milione di dosi) e l’iniziativa COVAX dell’Organizzazione mondiale della sanità ( due milioni di dosi). Queste sei milioni di dosi andranno a beneficio di tre milioni di persone e saranno collocate dai funzionari della CCSS per tutto il 2021.

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui Social.

Mi permetto di consigliarti, se ancora non lo hai fatto, di iscriverti subito al nostro canale YouTube e attivare la campanellina, così da ricevere la notifica ad ogni nuovo video:

Posted In:

Comments ( 2 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *