La Costa Rica vuole tagliare l’ 1% dei costi sul PIL

 

Il presidente della Repubblica della Costa Rica, il Signor Carlos Alvarado Quesada, ha annunciato domenica 12 Luglio 2020 che questo il suo governo presenterà all’Assemblea legislativa una proposta di taglio dei costi. La Costa Rica vuole tagliare l’1% dei costi sul PIL (prodotto interno lordo), a causa della crisi generata dalla pandemia di COVID-19.

 

Il messaggio del Presidente alla Costa Rica

 

Nel messaggio alla nazione, il Presidente Carlos Alvarado ha sottolineato che ci saranno ancora molti mesi di crisi, che non finirà fino a quando non ci sarà un vaccino e che sarà distribuito in tutto il mondo, che “saranno mesi molto difficili e che richiederanno molte responsabilità”.

Il Presidente Carlos Alvarado ha ripreso le proiezioni che indicano che il Tesoro pubblico perderà 1,2 miliardi di Colones di entrate, circa il 3,3% del PIL, e che devono essere prese misure forti e coraggiose per garantire la stabilità economica del Paese. Proprio per questo motivo la Costa Rica vuole tagliare l’1% dei costi sul PIL.

 

Questo momento è tanto difficile o più difficile di quello che ci ha portato ad adottare il piano fiscale“.

 

PREVISTI TAGLI ALLA SPESA PUBBLICA

 

Per compensare il calo delle entrate fiscali, il Presidente Alvarado ha affermato che il taglio della spesa da presentare al Congresso questo lunedì sarà il più grande nella storia nazionale e che sarà tagliato in tutte le questioni, ad eccezione dei programmi sociali e dei grandi investimenti.

Il Presidente ha chiesto al Congresso di approvare i prestiti internazionali per convertire il debito costoso in debito a basso costo e ha ribadito che questo non è un nuovo debito.

 

“Questo percorso economico risolve il finanziamento dello Stato e la stabilità per l’anno 2020. Per questo motivo, chiedo al Congresso, con il patriottismo che lo ha caratterizzato, di approvare crediti internazionali per finanziare il Paese”, ha aggiunto.

 

Secondo il Presidente, con la riduzione annunciata della spesa e il rifinanziamento del debito, le esigenze di finanziamento per il resto del 2020 sarebbero coperte, tuttavia, dal 2021 in poi sarà necessario ricorrere al Fondo monetario internazionale.

 

 

 

 

ACCORDO CON IL FMI

 

Nell’Assemblea legislativa esiste già un credito di 504 milioni di dollari con il FMI. Una volta approvato questo prestito, che dovrebbe avvenire a luglio, si apriranno i negoziati con il Fondo monetario per un accordo finanziario, noto come “Accordo stand-by” (SBA). L’estrema situazione generata da COVID-19 rende questo accordo con il Fondo essenziale per mantenere la stabilità economica del Paese nei prossimi anni.

 

Il Presidente Alvarado ha riconosciuto che questo accordo implica che gli obiettivi che il paese dovrebbe raggiungere in materia economica siano concordati con il FMI. “Quali obiettivi saranno negoziati in tale accordo? Tuttavia, è presto per avere dettagli”, ha detto.

Il presidente ha dichiarato che “questi dettagli” saranno discussi non solo con l’FMI, ma anche con attori politici chiave come deputati e leader politici “perché deve essere un accordo la cui approvazione legislativa è fattibile”.

 

Certamente le opzioni hanno a che fare con una combinazione di misure per ridurre la spesa, aumentare i redditi o l’efficienza della pubblica amministrazione. Ma come ho detto lo scorso 4 maggio nella mia relazione annuale, non intraprenderemo azioni che danneggino le persone più povere. L’accordo dovrebbe essere un equilibrio tra 4 obiettivi: preservare la stabilità dell’economia e delle finanze pubbliche, generare una maggiore efficienza nella sfera pubblica, mantenere il nostro stato di diritto sociale e avere il minor impatto sulla popolazione.

 

Il Presidente ha dichiarato che cercheranno di evitare il più possibile nuove tasse o maggiori oneri per le persone più povere, ma che se la situazione causata dalla pandemia li costringesse a spostarsi nella direzione di un aumento delle tasse, “sarebbe fatto distribuendo gli oneri tra i gruppi che hanno il più alto ricchezza, da una visione solidale e cercando, allo stesso tempo, di non influire sull’apparato produttivo “.

 

Lo sforzo economico dovrebbe anche contribuire a migliorare la creazione di posti di lavoro. Ecco perché, parallelamente, dobbiamo completare riforme quali la modernizzazione dell’INA e del CONESUP, l’adozione di orari di lavoro eccezionali e la protezione del lavoro attraverso la riforma dell’ispezione del lavoro. In termini di efficienza, è fondamentale approvare la riforma dell’occupazione pubblica, rendere i contratti amministrativi più rapidi e più trasparenti e continuare a minare la cintura il più possibile senza influire sullo sviluppo.

 

Il Presidente Alvarado ha affermato che alla fine di questo semestre, il lavoro svolto dall’Istituto di energia elettrica costarricense (ICE) dovrebbe tradursi in una riduzione per il prezzo delle tariffe elettriche

 

Iscriviti subito al nostro canale YouTube: CANALE YOUTUBE COSTA RICA NEW TRAVEL 

Posted In:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *