Dodici studentesse di Food Engineering , hanno proposto l’uso di insetti come il Grillo in Costa Rica , per generare una fonte di proteine amichevole per il pianeta, prontamente disponibili e utilizzate per combattere la fame nel mondo.

Queste straordinarie ragazze dell’Università della Costa Rica  sono; Gloriana Herrera, Ximena Gonzalez Yock acon Mai, Ana Maria Quiros, Valeria Brenes, Valerie Rangel e Marcela Rodríguez sono le menti dietro il Molibannan, che è una miscela di farina nutriente essiccati banana e larve del coleottero molitor Tenebrio, noto anche come mealworm.

sudentesse-costa-rica.grillo-in-costa-rica-per-fame-nel-mondo

E le studentesse, Cristina Azofeifa, Gloriana Hernandez, Pamela Malavassi, Daniela Kopper e Krissia Villalta che hanno sviluppato un biscotto a base di farina di cricket ( Grillo) e patate dolci purè, chiamato Criketa.

[dt_sc_h2]Le studentesse di tecnologia alimentare stanno cercando di sviluppare una soluzione per utilizzare il Grillo in Costa Rica per la fame nel mondo, poiché gli insetti sono più facili da raccogliere del bestiame e sono più ricchi di proteine e sostanze nutritive.[/dt_sc_h2]

Un Grillo in Costa Rica per la fame nel mondo come soluzione, infatti, sfruttando l’abbondanza di insetti, grilli e larve , scarabei si possono fare i biscotti e torte per l’esigenza nutrizionali delle persone ,una soluzione ad esempio per la malnutrizione in Haiti o per la carenza di proteine e vitamina nei bambini del nord del Costa Rica .

Lo scopo di queste straordinarie ragazze è prendersi in carico, come future scienziate, il dovere di assicurare cibo per la gente,

Questa è stata la loro motivazione un’occasione d’oro quella di presentarsi al concorso internazionale “Sviluppo di soluzioni per i paesi in via di sviluppo”, organizzato dalla Associazione degli studenti dell’Istituto di tecnologie alimentari (IFT, per il suo acronimo in inglese ) negli Stati Uniti.

Le ragazze si impegnarono talmente tanto in questo progetto , che svilupperono l’idea di creare prodotti nutrienti e desiderabili di consumo, utilizzando gli insetti come ingrediente principale, così per loro iniziò questa avventura .

[dt_sc_h3]Un Grillo in Costa Rica per la fame nel mondo? Ma in realtà cosa mangeremo?[/dt_sc_h3]

Le studentesse crearono due prodotti Molibannan e Criketas.

studentesse-molibannan

Il prodotto Molibannan, è stato fatto con farina creata da uno scarafaggio.

E scelto Haiti come obiettivo in cui inserire il coleottero farina, perché c’è la deforestazione e la secchezza del terreno ostacolerebbero la produzione di proteine animali.

Inoltre, a causa di problemi economici, il tasso di malnutrizione, soprattutto tra i bambini, è molto alto in quel paese, e la farina, a base di coleotteri di terra, aglio, sale, banane, patate dolci e foglie di patata dolce sono usati per fare dolci fritti, che accompagnano con riso e fagioli è spesso l’unico pasto che ricevono i bambini su quell’isola.

L’ università ha scelto come obiettivo per i bambini, perché sono i più appropriati per promuovere un cambiamento culturale, come il mangiare coleotteri, poiché i bambini non hanno pregiudizi.

L’altro prodotto inventato è Criketas, biscotti di grillo, le ragazze hanno avuto l’idea è che i biscotti vengano utilizzati come snack per raggiungere e colmare le lacune in vitamina A, ferro e proteine di alcuni bambini malnutriti.

cricketa-biscotto-grillo

Tra gli ingredienti del vostro prodotto a parte i grilli e le patate dolci, viene utilizzato il cacao, scelto dai bambini intervistati come il loro preferito.

Questa idea di snack si distingue dagli altri prodotti in quanto fornisce nutrienti per i consumatori, contrariamente ai tradizionali biscotti che forniscono solo calorie vuote senza apporto nutrizionale per i bambini.

Abbattere le barriere. “E ‘stato ora trovato che la popolazione aumenta e distribuzione del cibo non è l’ideale. Per questo motivo, istituzioni come la Food and Agriculture Organization (FAO) promuovere il consumo di insetti “, ha detto Herrera, uno dei creatori di Molibannan.

La FAO stessa ha un libro di insetti commestibili, che negli ultimi mesi è diventata una “bibbia” per queste università.

I vantaggi del consumo degli insetti e che sono una grande fonte nutrizionale, ricche di fibra, grassi, proteine e vitamine, a tutto ciò si aggiunge il fatto che il loro impatto sulla natura è minore, rispetto al costo di proteine animali come pollo o manzo.

Ad esempio, per produrre un chilo di proteine di insetti sono necessari due chili di mangime, mentre per un chilo di proteine di pollo sono necessari 2,5 chili di mangime e uno di manzo, 10 chili.

Non ci rimane che ringraziare queste menti della scienza per il loro contributo all’umanità, e magari perchè no il Grillo in Costa Rica per la fame nel mondo potrebbe essere la futura soluzione a tantissimi problemi.

Vi è piaciuto l’articolo ? Condividetelo con i vostri amici….Grazie di Cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.