Ecoturismo culturale in Costa Rica

Realizzare un viaggio ecoturismo culturale in Costa Rica è possibile. Un gruppo di indigeni Bribri  hanno deciso di mostrare un pò della loro cultura, le bellezze naturali di Talamanca, sempre nel rispetto delle tradizioni.

Con loro potrai soggiornare al Koswak Lodge e trascorrere notti in armonia con la natura, sempre con i migliori comfort ad Amubri, Talamanca.

Il tour più spirituale e la più grande sfida fisica è la passeggiata verso la città di Alto Urén, questa è l’ultima città a cui si può entrare via terra attraverso la montagna.

 

Reserva Indígena Kekoldi

 

Cinque giorni attraversando fiumi e sentieri

 

Situati alle pendici del Cerro Kamuk, nascono quattro importanti fiumi, dove furono gli insediamenti dei primi coloni del nostro territorio.

“In Alto Urén ci sono i luoghi dove si sono formati i migliori medici, è l’Harvard dei Bribris. Devi fare un tour di quattro notti, cinque giorni e con la voglia di connetterti ”, ha detto Roger Blanco, indigeno Bribri e guida turistica di LA REPUBLICA.

Lì puoi conoscere piante come la Gavilana, nota anche come Bitter Drop, usata dagli indigeni per pulire il sangue.

Anche altri come “Big Man”, che aiuta a curare malattie dell’apparato digerente e dei reni, o Sorosi, che si crede abbia capacità ipoglicemiche, cioè abbassare il livello di zucchero nel sangue.

La spedizione è consigliata a persone che praticano regolarmente attività fisica.

“Prima di fare questa o qualsiasi altra escursione, dobbiamo prima vedere i messaggi della natura, quindi uno sciamano farà sempre un discorso induttivo, canterà canzoni in modo che facciamo un buon viaggio ed entriamo nella foresta. Gli sciamani comunicano direttamente con gli esseri spirituali “, ha detto Blanco.

 

 

 

“È molto normale vedere colibrì colorati svolazzare sui volti delle persone, non devi spaventarli, devi lasciarli e i baqueanos sanno già che questo è un segno che Sibö (divinità indigena) è lì”, ha aggiunto .

“Non sono soldi, siamo agricoltori, ma il turismo è un modo per raggiungere le nostre tradizioni, l’idea è che le persone possano comprare il cacao dai guardiani, acquistare prodotti artigianali da qui; Ma non è turismo tradizionale, ci differenziamo che siamo turismo più vicino alle persone, più autentico, non è solo arrivare e lavorare il cacao e basta ”, ha detto Blanco.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui Social.

Mi permetto di consigliarti, se ancora non lo hai fatto, di iscriverti subito al nostro canale YouTube e attivare la campanellina, così da ricevere la notifica ad ogni nuovo video:

Posted In:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.